fbpx

Un’azienda americana ha prodotto un vaccino sperimentale contro il coronavirus: 25 volontari si sottoporanno al primo test, ad aprile

Loading...

È stato prodotto in tempi record negli Stati Uniti e potrebbe, ben presto, essere testato anche sull’uomo. Si tratta di un nuovo vaccino contro il coronavirus, messo a punto da una neonata azienda farmaceutica, con sede a Cambridge, nel Massachusetts, che lavora allo sviluppo di farmaci basati sull’RNA.

Al momento, si tratta solo di un vaccino sperimentale, ma l’attenzione è enorme poiché gli esperti dell’azienda, con meno di dieci anni di vita, sono riusciti a produrlo in meno di tre mesi, dall’inizio del contagio. Ma occorreranno diversi mesi di sperimentazioni prima di avere risposte concrete sulla sua efficacia. La notizia è riportata sul New York Times: l’azienda in questione si chiama Moderna e ha 800 dipendenti, in diverse parti del mondo.

In programma un secondo test con centinaia di volontari delle zone a rischio contagio

Dopo che è stata riprodotta dai ricercatori cinesi la sequenza genetica del Covid-10, i ricercatori di Moderna sono riusciti ad identificarne una sezione attraverso la quale sarebbe, per il momento in linea teorica, possibile indurre nell’organismo ricevente una reazione immunitaria, bloccando dunque la sintomatologia legata al contagio.

Nei laboratori di Norwood sono state prodotte le prime 500 fiale del vaccino sperimentale, per passare alla prima fase dei test, lavoro affidato al National Institute of Allergy and Infectious Disease (NIAID) di Bethesda (Maryland). Secondo quanto dichiarato dal direttore, almeno 25 volontari sani verranno coinvolti nel primo test clinico, in programma entro la fine di aprile. Si lavorerà allo scopo di verificare che il vaccino non solo sia sicuro, ma che induca effettivamente una corretta risposta immunitaria al nuovo coronavirus. Verrà somministrato due volte ad ogni volontario: entro fine luglio saranno pronti i risultati. Se positivi, verrà avviata una seconda fase di test, con il coinvolgimento di diverse centinaia di persone, provenienti dalle ‘zone rosse’.

Loading...
This div height required for enabling the sticky sidebar
Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views :