fbpx
Loading...

Notizie Libere 24

Le notizie piu interessanti del momento

Perché nel 2020 aumenterà la spesa delle famiglie

Secondo l’Osservatorio Federconsumatori si prevedono in media 630 euro in più rispetto al 2019. A pesare, i rincari di assicurazioni, beni primari e trasporti

Nel 2020 le famiglie italiane dovranno mettere mano al portafogli. E spendere di più per una serie di spese di ordinaria amministrazione. Il punto è che il rincaro non sarà di pochi euro. Secondo l’Osservatorio Nazionale Federconsumatori (che studia ogni anno l’andamento dei prezzi per l’acquisto di beni e servizi e l’impatto che avranno sulle famiglie) nell’anno appena iniziato le spese in più saranno pari a circa 630,65 euro a nucleo famigliare.

Loading...

Se, infatti, nel primo trimestre del 2020 si alleggerirà il peso delle bollette dell’energia, non lasciano molto scampo, in tema di rincari, alcune misure della manovra di bilancio e del decreto milleproroghe, oltre ad alcuni aumenti dovuti a semplici oscillazioni del mercato (come per esempio nel settore assicurativo).

Ma partiamo dalle buone notizie. Nel settore dell’energia, per esempio, secondo le comunicazioni recenti di Arera (l’Autorità di regolazione per Energia, Reti e Ambiente), il costo della luce si ridurrà in media del 5,4% da gennaio a marzo a fronte di un rincaro del gas dello 0,8%. A saldo, dunque, il risparmio è garantito, grazie a una serie di voci in calo: dal fabbisogno per gli oneri generali al contenimento delle tariffe fino al minor costo delle materie prime di base.

Loading...

Calcola l’Autorità che tra aprile del 2019 e marzo del 2020 per l’elettricità la spesa per la famiglia-tipo sarà di 544,2 euro, con una variazione del -2,9% rispetto a un anno prima, per un risparmio di circa 16 euro.

Nello stesso periodo, la spesa della famiglia tipo per la bolletta gas sarà di circa 1.040 euro, con una variazione del -9,5% rispetto a un anno prima, corrispondente ad un risparmio di circa 110 euro/anno. Il risparmio complessivo per la famiglia tipo per elettricità e gas è di circa 125 euro/anno.

Ma per Federconsumatori nei trimestri successivi al primo potrebbe esserci una ripresa. Nell’anno, infatti, stima un rincaro generale di luce e gas del 3,6% per una spesa maggiore per famiglia di circa 66 euro.

Loading...

A scendere saranno anche i ticket sanitari (-0,6% secondo Federconsumatori ma comunque legati al reddito) e in misura quasi impercettibile l’acqua (-0,2%).

A fronte di questa boccata di ossigeno, ci saranno invece i rincari. Dai consumi per l’alimentazione (+1,6% per circa 144,77 euro annui), alle assicurazioni auto (+3,8%) ai costi bancari (+3,7%) e ai trasporti (+3,1%) fino ai prodotti per la casa (+2,1%) e alle imposte come la Tari (+1,8%). Per continuare con la scuola (+1,4%) alle tariffe autostradali che a partire da luglio vedranno un rincaro dello 0,7%. La somma delle singole voci porta a raggiungere i 630,65 euro annunciati.

“Non bisogna trascurare il fatto che tali aumenti avvengono in un contesto delicato, in cui il Paese stenta ancora a riprendersi e in cui manca un serio piano di crescita improntato allo sviluppo, alla ricerca, al rilancio dell’andamento dell’occupazionale” fa presente la stessa Federconsumatori in una sua nota in cui torna a chiedere, tra le altre cose, una seria rimodulazione delle aliquote iva “in modo da non tassare come beni di lusso alcuni beni e prodotti che invece sono di largo consumo”.

Loading...
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *