Notizie Libere 24

Le notizie piu interessanti del momento

Colpo di scena, l’ultimatum del sindaco ai minimarket: o smettete di vendere superalcolici la sera, o chiudete per sempre.

Colpo di scena, l’ultimatum del sindaco ai minimarket: o smettete di vendere superalcolici la sera, o chiudete per sempre.

E’ un problema che riguarda tutta Italia: da nord a sud, nessuna città esclusa. Da Bari a Roma, da Napoli a Milano, da Venezia a Genova, da Palermo ad Ancona. I mini market, piccoli alimentari solitamente gestiti da stranieri, stanno diventando il ritrovo notturno per comprare alcool di qualunque genere a qualunque ora. I problemi sono evidenti: da un lato si incentiva l’utilizzo dell’alcool e dall’altra si creano problemi di decoro urbano e sicurezza. Senza contare che questi mini market sono sempre più nell’occhio del ciclone perchè spesso hanno problemi con le vigenti norme riguardanti l’igiene e la pulizia. Ma non solo: molti sono irregolari, sprovvisti di licenze e non seguono le norme che regolano gli orari ed i diritti dei lavoratori. Sulla carta sono frutterie ma vendono un po’ di tutto e, a tarda sera, vi si acquistano soprattutto alcolici. A gestirle sono spesso cittadini bengalesi, tanto che nel linguaggio di uso comune vengono definiti “bangla”

loading...

 

La situazione: Roma e Napoli in crisi non riescono a controllare i mini market

A Roma e Napoli c’è l’emergenza (tra le tante) dei minimarket, Roma in particolare non riesce a gestire il problema. Nonostante le multe ed i controlli i mini-market tornano sempre attivi e sembrano veramente intoccabili.

Recentemente nel quartiere prenestino alla periferia di Roma, a seguito di varie segnalazioni, dei controlli della municipale hanno portato alla luce un mini market che vendeva pesce scaduto da mesi. Nonostante le multe il mini-market è rimasto aperto. I cittadini della zona sono infuriati con la sindaca “se era italiano il negozio da mo che era chiuso….invece questi fanno come gli pare e rimangono impuniti”.

 

 

A Firenze il pugno duro del Sindaco: entro il 6 maggio o smettete o chiudete per sempre.

Se a Roma le cose vanno male, non è lo stesso a Firenze dove c’è una vera e propria guerra tra il sindaco ed i mini-market che non rispettano le regole.  I controlli effettuati hanno portato, oltre alle sanzioni pecuniarie, a 93 provvedimenti di chiusura nel 2016, 52 nel 2017, 47 nel 2018 per un totale di 324 giorni di chiusura nel 2016, 232 nel 2017, 172 nel 2018.

Ma al sindaco le multe non bastano, così come le oltre 172 chiusure del 2018. Vuole andare oltre, dove nessun Sindaco di una grande città si è spinto: l’ultimatum è arrivato a tutti, entro il sei maggio chi vende superalcolicia la sera si vedrà revocata la licenza e chiusa per sempre l’attività.

I cittadini di ogni schieramente applaudono all’iniziativa, anche le opposizioni al comune si sono schierate compatte. L’illegalità ed il degrado deve finire.

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *