Notizie Libere 24

Le notizie piu interessanti del momento

Ex poliziotto si pugnala al petto con un coltello e muore

Civitanova, nella prima mattina di ieri i sanitari del 118 sono stati allertati, insieme a una volante della Polizia del commissariato della città per un tentativo di suicidio. A compiere il drammatico gesto, un ex collega 50enne da qualche anno in pensione. L’uomo aveva tentato il suicidio accoltellandosi al petto, lesionando gravemente il cuore. In casa con lui la moglie e uno dei due figli, è stata la donna a dare l’allarme. L’uomo è morto dopo un disperato tentativo di salvarlo. Ignote le motivazioni che hanno spinto l’uomo a compiere il drammatico gesto.

loading...

Ex poliziotto tenta il suicidio accoltellandosi al petto

Non è chiaro cosa sia scattato nella mente dell’uomo intorno alle 9 del mattino di ieri. L’ex poliziotto, un uomo di circa 50 anni, si trovava da solo in camera da letto, quando ha preso un coltello e se lo è piantato nel costato, all’altezza del cuore. È stata la moglie a trovarlo e ad allertare i soccorsi. L’uomo è stato trasportato prima perso l’ospedale di Civitanova Alta, dove ad attenderlo c’era un’intera équipe medica sia del pronto soccorso sia del reparto di chirurgia. La lesione era però troppo grave, così i medici hanno predisposto un trasporto d’urgenza presso un altro ospedale, con eliambulanza.

La morte durante il trasporto in un altro ospedale

L’uomo si era lesionato un ventricolo e la ferita era molto grave, tant’è che era stata predisposta un’ eliambulanza per trasportare il paziente presso un altro centro ospedaliero; il Torrette di Ancona. Mentre veniva caricato a bordo del velivolo però, il paziente ha avuto un arresto cardiaco e i medici non sono stati in grado di rianimarlo. L’uomo è deceduto intorno alle 13.30. La notizia della scomparsa dell’uomo ha sconvolto l’intera comunità. L’ex poliziotto era molto conosciuto a Civitanova per via del suo ruolo di poliziotto; lascia una moglie e due figli che al momento non riescono a spiegarsi il tragico gesto.

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *