Notizie Libere 24

Le notizie piu interessanti del momento

Cerca di investire la figlia: “Vuole vivere all’italiana”

Livorno Ferraris, provincia di Vercelli, è qui che nel pomeriggio di ieri, venerdì 15 marzo, un padre ha tentato di investire sua figlia. Il motivo? La giovane di soli 20 anni di origini marocchine, voleva vivere una vita normale, come le sue coetanee, andando in totale disaccordo con la mentalità paterna.

loading...

Investita dal padre perché vuole vivere “all’italiana”

Un’altra giovane donna costretta a lottare per la sua identità e che, per questo, ha rischiato la vita. Lei, nata in Marocco ma da anni residente in Italia e perfettamente integrata con la società. Un padre di circa 50 anni che non accetta il desiderio della figlia di “vivere all’italiana“. Una lite e il tentativo di investirla con l’auto. La giovane fortunatamente riesce ad evitare di finire sotto l’auto, cade, batte la testa ma fortunatamente è riuscita a salvarsi e la sua prognosi è di pochi giorni.

Marocchino di 50 anni tenta di investire la figlia 20enne perché “vuole vivere all’italiana”

Un gesto, il tentativo di investirla, che non è stato il primo atto di violenza e maltrattamento subito dalla giovane. I carabinieri hanno infatti arrestato l’uomo oltre che con l’accusa di tentato omicidio anche per maltrattamenti e ora si trova in carcere.

Una vita come tante e allo stesso tempo diversa

La ragazza è nata in Marocco, ma da anni viveva in Italia; era arrivata con la famiglia a Livorno Ferraris quando era solo una bambina. Cresciuta in una piccola comunità, di quelle dove si conoscono tutti, nella quale si è perfettamente integrata, tra amicizie, scuola e sport. La giovane gioca a basket e non ha mai indossato il velo.

Pare che la giovane abbia subito più volte episodi di maltrattamenti

Una ragazza come tante che, dopo aver conseguito il diploma, ha scelto di cercare un lavoro. Secondo le prime ricostruzioni è stato questo a scatenare l’ennesima lite padre-figlia.

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *