fbpx

Notizie Libere 24

Le notizie piu interessanti del momento

Toninelli e il “buco inutile” nella montagna. “A che serve andare a Lione?”

Così il ministro delle infrastrutture e dei trasporti ha commentato su La7 lo stato dei lavori della Tav Torino-Lione. L’ennesima sua esternazione che fa discutere

loading...

Chi se ne frega di andare a Lione grazie a un buco inutile in una montagna”. Ecco il significato della Tav Torino-Lione secondo il Ministro per le Infrastrutture e i trasporti Danilo Toninelli. Ospite di Coffee Break su La7 il 4 febbraio il ministro è stato lapidario: “Nel capoluogo piemontese c’è bisogno di una metro 2, non di un buco nella montagna che nasce per trasportare persone e che diventi trasporto merci”. E poi la chiosa: “Chi ne se frega di andare a Lione, lasciatemelo dire”.

Nessuno glielo impedisce, ovviamente, come nessuno gli impedisce di essere contrario alla realizzazione dell’opera ma è chiaro che intorno alla vicenda della linea ad alta velocità ferroviaria che sta tenendo l’Italia sospesa, non tira una bella aria. Toninelli ne ha una ogni giorno. Il 3 febbraio, alla Commissione Europea che attraverso un suo portavoce aveva fatto sapere che “se ci sono ritardi prolungati non possiamo escludere di dover chiedere all’Italia i contributi già versati”, ovvero 813 milioni di euro, ha risposto su Twitter mostrando i muscoli: l’analisi costi benefici è stata decisa “da un Governo sovrano che vuole spendere al meglio i fondi pubblici” e la Ue può stare tranquilla “tra pochi giorni avrà, come da accordi, tutta la documentazione”.

Peccato che l’intero tratto transfrontaliero, che ha un costo di 8,6 miliardi di euro, per il 40% sia finanziato dall’Ue, per il 35% dall’Italia e per il 25% dalla Francia. Insomma, l’apporto dell’Europa non è affatto secondario. E se quei soldi non vengono investiti al meglio, ha tutto il diritto di destinarli ad altre opere pubbliche.

Ma non finisce qui. Circa una settimana fa sempre Toninelli ha vietato a Marco Ponti, presidente della commissione Trasporti alla Camera e titolare dell’analisi dei costi-benefici dell’opera, di presentare i risultati al Parlamento con la scusa di volerla prima condividere con la Francia e la Commissione Europea. Una decisione interpretata dai più come un rinvio della questione dato che M5S e Lega su questo capitolo non solo non riescono a trovare un’intesa ma sono posizionati su poli opposti.

loading...

One thought on “Toninelli e il “buco inutile” nella montagna. “A che serve andare a Lione?”

  1. Dal mio punto di vista, penso che la TAV sia stata approvata dal Parlamento europeo e dagli Stati beneficiari, in primis Francia ed Italia , a seguire tutti gli altri; Ritengo che per tornare indietro sulla decisione di proseguire o meno debbano essere gli stessi organismi che , a suo tempo, l’hanno approvata,rimodulando dopo una valutazione onesta e sincera. Per quanto penso io della TAV debbo esprimere la mia amarezza con i politici di tutti i tempi, anche quell attuali, come si pensa sempre a fare la qualsiasi cosa possa interessare e portare benefici da Roma in su, dimentinado , al solito che c’e’ un profondo sud e nel profondo sud ci sono regioni come la Sicilia trattate come colonia della penisola da Garbaldi in poi, la Sicilia serve solo per l’approdo di navi e barconi di migranti, anche Salviniquando deve salvare qualcuno lo fa sbarcare in Sicilia. <i politici siciliani fanno piu' schifo di tutti perche' accettano supinamente tutto questo, quando dovrebbero reagiree pretendere quanto viene fatto solo al nord padano!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *