fbpx

Notizie Libere 24

Le notizie piu interessanti del momento

“C’è un problema ed è l’Italia”: commissario europeo all’economia

L’Italia deve presentare un “bilancio credibile” per il prossimo anno, ha detto oggi il commissario Ue Pierre Moscovici, definendo “un problema” il governo anti-establishment a Roma.

Moscovici, che gestisce il portafoglio economico e finanziario della Commissione, ha anche invitato l’Italia a tagliare il debito e a spingere la riforma economica invece di approfondire i deficit.

loading...

Il piano di bilancio del governo italiano per il prossimo anno deve essere “credibile in termini numerici” ma anche in termini di “sforzi strutturali”, ha affermato Moscovici.

“L’economia italiana ha bisogno di riforme”, ha detto ai giornalisti. “Fermare le riforme e stampare soldi invece non salverà l’Italia”.

Il debito di Roma si attesta attualmente su un rialzo del 132 percento del prodotto interno lordo, rendendo l’Italia il secondo maggior rapporto debito / PIL dell’area dell’euro dopo la Grecia.

Ma il governo anti-UE a Roma, che riunisce il partito della Lega di estrema destra e il Movimento a cinque stelle anti-establishment, è sotto pressione per rispettare le promesse elettorali e aumentare le spese invece di ridurre il deficit, come promesso dal precedente governo .

I ministri devono presentare la loro proposta di bilancio alla Commissione europea entro il 15 ottobre.

“Quello che stiamo aspettando sono i fatti”, ha commentato il capo della BCE Mario Draghi. “Le parole negli ultimi mesi sono cambiate molte volte.”

Il fragile stato dell’economia italiana ha risvegliato i ricordi della crisi del debito, e l’Italia rischia misure punitive da parte dei suoi partner dell’UE se insiste per rompere le regole del blocco sulla gestione di disavanzi eccessivi e debito elevato.

“Purtroppo, abbiamo visto che le parole hanno creato qualche danno e i tassi di interesse sono aumentati” per famiglie e imprese, ha detto Draghi.

Ma ha riconosciuto i rumori più recenti che sono venuti da Roma. “Il primo ministro italiano, il ministro italiano per l’economia e il ministro degli esteri italiano hanno detto che l’Italia rispetterà le regole”, ha osservato Draghi.

“E a proposito, tutto questo non ha creato molto spillover verso altri paesi dell’area dell’euro, quindi è rimasto almeno finora un episodio italiano”, ha aggiunto.

Ma Moscovici ha avvertito che l’UE continuerà a seguire da vicino. “C’è un problema ed è l’Italia”, ha detto. “Mi concentrerò più sull’Italia che su qualsiasi altra cosa”.

La crescita italiana è in fondo alla zona euro, e la debole produttività del Paese è un “problema enorme”, ha affermato il commissario.

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *